Nico Murdock è un ESPERTO nelle bufale sulle scie chimiche, specialmente in quelle dei fratelli Marcianò che segue ormai dal 2005.

Arrivano disastri naturali e si scatenano gli sciacalli

sabato 27 febbraio 2010

Da Wikipedia alla voce sciacallo (grassetti e commenti miei).


Gli sciacalli occupano una nicchia ecologica simile a quella dei coyote americani, in quanto sono predatori di piccoli animali [se la prendono sempre con sconosciuti sperando che non reagiscano] e, soprattutto, mangiatori di carogne. Sono animali notturni, attivi prevalentemente all'alba e al tramonto [spulciando i log di Statcounter].

La società degli sciacalli è costituita intorno ad una coppia monogama che occupa e difende un territorio ben definito. Gli sciacalli sono infatti ferocemente territoriali [non si spostano dal terrazzino], ed una coppia respinge con forza le intrusioni di altri esemplari nel proprio territorio, delimitato da marchi fatti con le urine e con le feci [escrementi scritti al pc ed immagini taroccate]. Un territorio tipico [purchè dotato di terrazzini] è grande abbastanza da permettere la crescita di due o più cuccioli, che vivono con i genitori fino all'età adulta per poi abbandonarli e cercare a loro volta un proprio territorio.

In alcune rare occasioni [che nel loro gergo vengono chiamate conferenze] più sciacalli si riuniscono in un branco, ad esempio per nutrirsi di una carcassa particolarmente grande, ma nella maggior parte dei casi cacciano da soli o in coppia [di due].


Chiedo umilmente scusa a tutti i canis aureus, canis adustus e canis mesomelas per l'accostamento ai peracottari.

Sincerely yours
Howling Mad


Straker ci dimostra l'assenza del bario

venerdì 26 febbraio 2010

C'è riuscito. E ci deve anche aver perso tantissimo tempo. Non dico nello studiare cose, nel copiarle. Ora è diventato anche così pigro che non usa nemmeno più il traduttore automatico di Google.

E in un post alquanto strampalato, dove mette i sali di bario nel titolo e dove ci rallegra con degli strafalcioni da manuale, ci dimostra come siano totalmente assenti le tracce di bario nelle vicinanze di un aeroporto.
Gli strafalcioni li trovate tutti spiegati nei commenti al post dall'amico eSSSe.
La parte che non ha scritto lui ci dimostra che gli aerei inquinano (ma và?) dato che sfruttano la combustione di idrocarburi. E nell'aria vicino ad un aeroporto che si ritrovi di tutto è una cosa abbastanza logica. Però a quanto pare... non c'è bario. Strano, no. Voglio dire.. è il posto dove il complotto accentra PER FORZA questo maledettissimo composto chimico. Eppure non ve n'è traccia. Riporto per coerenza l'articolo citato da Straker (sia in immagine che come testo):

What kinds of health effects may be occurring to the population in your neighborhood can be seen from a report, dated June 20, 1997 to the Georgetown Crime Prevention and Community Council by the Seattle-King County Department of Public Health. Georgetown is an area of Seattle, and surrounds the King County International Airport (Boeing Field), King County, in turn, surrounds greater Seattle. (The Georgetown Council is a sister organization to AReCO and member of US-CAW (United States Citizens Aviation Watch). When comparing hospitalization rates for Georgetown (Zip Code 98108) to those of King and North King Counties, the following, alarming statistics resulted:

a 57% higher asthma rate
a 28% higher pneumonia/influenza rate
a 26% higher respiratory disease rate
an 83% higher pregnancy complication rate
a 50% higher infant mortality rate genetic diseases are statistically higher mortality rates are 48% higher for all causes of death: 57% higher for heart disease, a 36% higher cancer death rate with pneumonia and influenza among the top five leading causes average life expectancy 70.4 years (the same as in many developing nations) compared to Seattle's of 76.0 years.

Did you ever wonder what blows out of a jet airplane? Here is what you'll find in the air around an airport:

Freon 11, Freon 12, Methyl Bromide, Dichloromethane, cis-l,2-Dichloroethylene, 1,1,1-Trichloro-ethane, Carbon Tetrachloride, Benzene, Trichloroethylene, Toluene, Tetrachloroethene, Ethylbenzene, m,p-Xylene, o-Xylene, Styrene, 1,3,5-Trimethyl-benzene, 1,2,4-Trimethylbenzene, o-Dichlorobenzene, Formaldehyde, Acetaldehyde, Acrolein, Acetone, Propinaldehyde, Crotonaldehyde, Isobutylaldehyde, Methyl Ethyl Ketone, Benzaldehyde, Veraldehyde, Hexanaldehyde, Ethyl Alcohol, Acetone, Isopropyl Alcohol, Methyl Ethyl Ketone, Butane, Isopentane, Pentane, Hexane, Butyl Alcohol, Methyl Isobutyl Ketone, n,n-Dimethyl Acetamide, Dimethyl Disulfide, m-Cresol, 4-Ethyl Toulene, n-Heptaldehyde, Octanal, 1,4-Dioxane, Methyl Phenyl Ketone, Vinyl Acetate, Heptane, Phenol, Octane, Anthracene, Dimethylnapthalene (isomers), Flouranthene, 1-methylnaphthalene, 2-methylnaphthalene, Naph-thalene, Phenanthrene, Pyrene , Benzo(a)pyrene, 1-nitropyrene, 1,8-dinitropyrene, 1,3-Butadiene, sulfites, nitrites, nitrogen oxide, nitrogen monoxide, nitrogen dioxide, nitrogen trioxide, nitric acid, sulfur oxides, sulfur dioxide, sulfuric acid, urea, ammonia, carbon monoxide, ozone, particulate matter (PM10, PM2.5).
Molto accurate come analisi, non trovate??? Ci si trova anche l'urea (quindi secondo certi "alternativi" sarebbe un posto salubre dove curarsi). E il bario dove sta?? Dovrebbe esserne pieno. Invece in questo studio citato dal Marcianò, non v'è traccia.

Ed ancora:

Biological And Health Effects Of Exposure To Kerosene-Based Jet Fuels And Performance Additives

Authors: Glenn Ritchie; Kenneth Still; John Rossi III; Marni Bekkedal; Andrew Bobb; Darryl Arfsten
Affiliations: a Geo-Centers, Inc., Wright-Patterson Air Force Base, Ohio, USA. Naval Health Research Center Detachment-Toxicology, Wright-Patterson Air Force Base, Ohio, USA.


Abstract

Over 2 million military and civilian personnel per year (over 1 million in the United States) are occupationally exposed, respectively, to jet propulsion fuel-8 (JP-8), JP-8 +100 or JP-5, or to the civil aviation equivalents Jet A or Jet A-1. Approximately 60 billion gallons of these kerosene-based jet fuels are annually consumed worldwide (26 billion gallons in the United States), including over 5 billion gallons of JP-8 by the militaries of the United States and other NATO countries.

JP-8, for example, represents the largest single chemical exposure in the U.S. military (2.53 billion gallons in 2000), while Jet A and A-1 are among the most common sources of nonmilitary occupational chemical exposure. Although more recent figures were not available, approximately 4.06 billion gallons of kerosene per se were consumed in the United States in 1990 (IARC, 1992). These exposures may occur repeatedly to raw fuel, vapor phase, aerosol phase, or fuel combustion exhaust by dermal absorption, pulmonary inhalation, or oral ingestion routes. Additionally, the public may be repeatedly exposed to lower levels of jet fuel vapor/aerosol or to fuel combustion products through atmospheric contamination, or to raw fuel constituents by contact with contaminated groundwater or soil. Kerosene-based hydrocarbon fuels are complex mixtures of up to 260+ aliphatic and aromatic hydrocarbon compounds (C 6 -C 17+ ; possibly 2000+ isomeric forms), including varying concentrations of potential toxicants such as benzene, n-hexane, toluene, xylenes, trimethylpentane, methoxyethanol, naphthalenes (including polycyclic aromatic hydrocarbons [PAHs], and certain other C 9 -C 12 fractions (i.e., n-propylbenzene, trimethylbenzene isomers).

While hydrocarbon fuel exposures occur typically at concentrations below current permissible exposure limits (PELs) for the parent fuel or its constituent chemicals, it is unknown whether additive or synergistic interactions among hydrocarbon constituents, up to six performance additives, and other environmental exposure factors may result in unpredicted toxicity. While there is little epidemiological evidence for fuel-induced death, cancer, or other serious organic disease in fuel-exposed workers, large numbers of self-reported health complaints in this cohort appear to justify study of more subtle health consequences. A number of recently published studies reported acute or persisting biological or health effects from acute, subchronic, or chronic exposure of humans or animals to kerosene-based hydrocarbon fuels, toconstituent chemicals of these fuels, or to fuel combustion products. This review provides an in-depth summary of human, animal, and in vitro studies of biological or health effects from exposure to JP-8, JP-8 +100, JP-5, Jet A, Jet A-1, or kerosene.
Anche questa è sicuramente un'analisi molto accurata (non per niente fatta da persone serie) e anche questa NON RILEVA PRESENZA DI BARIO. Che i carburanti derivati dal petrolio siano tossici e pericolosi, lo si sapeva benissimo. Guardate cosa sta succedendo tra il Lambro e il Po.

Cosa volete che vi dica.. questo è quello che succede quando un bamboccio vuole avere ragione a tutti i costi.. riesce a contraddirsi da solo. E ti credo che non vuole i contraddittori.. nessun'altro deve contraddirlo a parte se stesso!!!
Heil Straker!!!

Sincerely yours
Howling Mad


C'era una volta un blog..

martedì 23 febbraio 2010

.. anzi due.
E' la storia di uno studioso di fenomeni ipertestuali che aveva un dono: sapeva clonare il codice come nessun altro. Aveva sperimentato con le arti magiche del fotoritocco, ed era ormai navigato cutandpestatore e diligente maneggiatore di immagini in movimento. Nulla pensava potesse fermarlo..
Pensava di aver clonato nuovamente qualcosa di speciale, ma senza fare i conti con la realtà. Il castello di carta si è sgretolato come quelli di sabbia.. suvvia, ci vuol sostanza perchè resti su.
Ora solo una lapide ne tiene il ricordo...


Our friend took it in the tush.. e mai l'inglese è stato così azzeccato come oggi, amici. :-))))

Sincerely yours
Howling Mad

Arturo, Straker, Zret: retroscena di un complotto

domenica 21 febbraio 2010


I blog del comitato ci raccontano delle storie molto simpatiche leggendo tra le righe.

Ricordate come hanno iniziato? Uno si iscriveva a un forum e lanciava un'ipotesi. Poi se non c'era risposta arrivava il compare con un account anche questo appena creato (poi mai più usato) a dire "ehi anche io ho visto queste cose". Questo accende il primo interesse. Poi arriva "l'esperto" e comincia a propinare.
E' il gioco delle tre carte, dove c'è l'abile di mano, c'è il gancio che attira la gente e c'è la vittima amica che perde o vince a seconda della necessità. Se ricordate su Focus iniziò proprio così (Ptah è Zret ;-) ).

Ora che ha fatto la conferenza, ancora niente video e completa assenza di commenti per il web ci confermano che è stata disastrosa, ma sicuramente qualche nuovo potenziale adepto c'è. Ecco quindi il prode comandante che ha scritto bene il compitino per Arturo. Che non sia scritto da Arturo l'han visto tutti. Prendere uno qualsiasi dei primi commenti e noterete che era molto più sconclusionato e scritto di getto, con rabbia. Questo è strutturato, con molta più punteggiatura. Insomma si vede che è stato preparato. (RB211 tu che hai un'ottima "memoria" mi puoi assistere vero?)

Arturo, a mio avviso, non è un account fake. C'è chi dice che sia Corrado, ma non sono convinto. E' però un bravo soldatino che fa la sua parte, una scimmietta ammaestrata che risponde a tutti gli ordini che l'imbonitore gli impartisce.. un valido servo della causa. Come fecero Vibravito e il marinaretto. Anche quest'ultimo se ricordate accompagnò Straker a Milano l'anno scorso e poi si mise tra il pubblico a imbeccare le domande giuste. Per chi non sapeva, sembrava una cosa reale, per nulla preparata a tavolino (è stato quasi patetico, si sono presentati e si davano del lei). Poi abbiamo visto l'epilogo e la fuga per non farsi implicare in qualcosa di penale (che per chi indossa una divisa diventa parecchio più seria che per un civile).

E come dice Tigre della Malora, c'è poco da confutare le fesserie. Con questo, da soli, si mettono completamente all'esterno di quelle che sono le idee del movimento mondiale. Tutte le loro affermazioni vanno in aperto contrasto con William Thomas, con Chemtrail Central, con Carmicon e soprattutto vengono demistificate completamente da "The case against chemtrails".

La gallina non fa le uova d'oro sperate in partenza e soprattutto non fa proprio più uova. Il comitato "conta" 210 iscritti. Per iscriversi uno deve riempire un modulo, mandare dati personali, versare l'obolo.. insomma non basta cliccare SI. Su Facebook, dove basta cliccare SI, sono 48.

Non c'è che dire. Quello davvero furbo è un altro: linkare le baggianate dei peracottari non sarà mai un reato. Lui non ha messo il suo nome su tutti i video, articoli e commenti. Lui è un "devoto seguace", che ne poteva sapere lui che gli raccontavano balle? Ora il re è Rorro. Evviva il re.

Sincerely yours
Howling Mad


Analisi: la parola che fa paura ai Marcianò

venerdì 19 febbraio 2010

E' sempre così.
Appena qualcuno comincia a dire "ehi, facciamo le analisi delle scie così gliele sbattiamo in faccia ai disinformatori" scatta l'operazione depistaggio.
E si tirano fuori le solite balle ricopiate dal passato.
Si comincia col dire che alle auto mica gli si controllano i gas di scarico per vedere se la città è inquinata.. e qui già vi immagino a pensare "ma come, io li faccio controllare i gas di scarico per il bollino blu". Infatti.. ma strakkino ci prova.
Poi dicono che le ciminiere mica le controllano nel camino.. su questo non spendo altre parole, visto che ci sono persone più esperte di me, ma mi chiedo: le scale esterne e le piattaforme le hanno fatte per farci scioperare gli operai o servono per controllo?

Poi c'è la parte più bella: il cavallo di battaglia è "le scie sono chimiche perchè sono a bassa quota". Ma quando esce la questione analisi dicono che non ci sono aerei adatti ad andare oltre gli 8000 metri. A parte che ci sono, aerei tipicamente usati per portare in quota i paracadutisti, ma se le scie chimiche sono a 1500/2000 metri, bastano e avanzano anche degli ultraleggeri.

Insomma, non dovrebbe essere la prima cosa a cui devono pensare??? Campionare quante più scie possibile e fare analizzare il tutto (da più centri ogni volta, per evitare errori o altro). Se è la verità che li spinge, qualunque essa sia... perchè tutta questa paura?
Forse che sanno già????

Sincerely yours
Howling Mad


Sempre più deserto attorno a tanker enemy

martedì 16 febbraio 2010

Quando lo strakkino abbaia significa che è alle strette.

Secondo lui una conferenza di successo... secondo i commenti e le adesioni pare che fosse solo.
Secondo i sondaggi di Facebook, delle scie chimiche non gliene può fregar di meno alla gente, e nemmeno tutti quelli che erano interessati ad andare alla conferenza pare ci siano andati. Ed erano il 6-7%.
Allora corre ai ripari e clona un altro blog intitolandolo all'Alta Tuscia. E' sempre gestito da lui, sfruttando il nome di un'associazione. E nelle keywords di ricerca non c'è nemmeno "Alta Tuscia".. ahahahah tutte le altre paroline che servono a portare acqua al mulino del comitato ci sono, ma manca quello dell'ospite!!!!

Comunque ormai è finita.. le prossime conferenze dovranno confutare le analisi che ora sono pubbliche. Non è più tempo di falsi video, di telemetri giocattolo, di diffamazione di sconosciuti e persone per bene, di "aspetto i pesci grossi". Ora ci vogliono prove.

Comincia a cercarti un lavoro, magari puoi pulire gli autobus.

Sincerely yours
Howling Mad


Falso e più falso

domenica 14 febbraio 2010

Dopo scemo e più scemo, ecco il soggetto per un vero film di botteghino. Più falso delle scie chimiche ci solo coloro che le han rese ridicole (ancor più di quel che sono).

Ecco un commento, scritto senza ombra di dubbio da Zret usando l'account del fratello (con tutti gli account che usano, sbagliarsi è all'ordine del giorno.. basta iscriversi ai commenti dei loro post per accorgersene comodamente in posta elettronica).

Cosa ha di strano? Che eSSSe non è mai stato invitato da nessuna parte e ieri sera era a cena con me a circa 600 km da Viterbo. Una cena molto simpatica, per niente frugale e con una bella sorpresa finale: le tazzine sponsorizzate. Non immaginate le risate che ci siamo fatti.


Ma cosa potrà mai aver fatto scrivere un commento del genere? C'era davvero così poca gente da doversi inventare la presenza di qualcuno?
Ecco cosa succede quando si è abituati a vedere "i disinformatori anche nel cesso" (cito la mitica tanker enemy is burning) ed a inventare fuffa da dare in pasto ai suoi, ormai pochissimi, boccaloni e compagni di menzogna.

E, Corrado, prima di renderti ridicolo, controlla che il tuo amichetto dica la verità.

A lavorare!!!!!.... magari onestamente!!!

Sincerely yours
Howling Mad


Analisi delle scie di condensazione - di Simone Angioni

sabato 13 febbraio 2010

Post originale

Chiunque si sia interessato al "dibattito" (visti certi toni utilizzati da alcune persone, le virgolette sono d'obbligo) scie chimiche/scie di condensazione si sarà sicuramente imbattuto nell'argomentazione riguardante le analisi. Chi crede al complotto delle scie chimiche è arrivato a spendere anche diverse centinaia di euro pur di far analizzare il contenuto di queste scie, purtroppo però i risultati fin ora giunti sono piuttosto deludenti: in primo luogo perché i campioni sono prelevati a terra e non direttamente dalla scia sospetta e in secondo luogo perché la gran parte delle analisi mostra il normale contenuto di elementi presenti nel terreno. A oggi nessun sostenitore del complotto ha mai provato a campionare direttamente una "scia chimica" in quota, affidando le proprie teorie ad analisi fatte su acqua piovana e su terreni (che, tra l'altro mostrano la composizione tipica dell'acqua piovana e del terreno).

Fortunatamente però gli scienziati non si arrendono così facilmente come i sostenitori delle scie chimiche, infatti in letteratura si trovano numerosi lavori di analisi di scie direttamente in quota. I metodi per analizzare una scia sono sostanzialmente tre:
1- I satelliti
2- I LIDAR
3- Analisi direttamente in quota

I meteorologi e i fisici dell'atmosfera hanno analizzato le scie in ognuno di questi modi a partire già dagli anni '70. La letteratura che ho consultato è piuttosto vasta, riporterò in fondo una breve bibliografia con gli articoli più interessanti. Descriviamo brevemente i tre metodi: con i satelliti è possibile fotografare l'emissione luminosa di una scia. Già un lavoro del 1970, condotto su un B-17, mostrava come fosse possibile esaminare la composizione di una scia in base al suo spettro di emissione (per essere precisi hanno misurato la riflettanza). [1] Certamente qualcuno potrebbe obiettare che negli anni '70 le scie chimiche ancora non esistevano tuttavia è interessante notare come viene descritta la scia di condensazione analizzata:

"Durante il volo erano presenti numerose e persistenti contrails e si presentò l'opportunità di misurare la riflettanza di una contrail di recente formazione."

Insomma già ai tempi numerose scie persistenti solcavano i cieli e le analisi dimostravano che il contenuto era principalmente acqua. Su un fenomeno simile si basa un lavoro del 1988 nel quale è usato un satellite per registrare l'emissione di una scia di condensazione nello spettro IR. [2] Anche in questo caso si fa riferimento alle scie persistenti e non persistenti e alla loro interazione con altri tipi di nubi alte quali i cirri.

Il LIDAR (Laser Imaging Detection and Ranging) è forse uno strumento ancora più potente del satellite perché permette di analizzare da terra una parte ben definita di atmosfera. Per esempio un articolo del 2004 sembra essere creato apposta per rispondere ai sostenitori dell'esistenza delle scie chimiche.[3] In questo lavoro i ricercatori iniziano fotografando alcune scie di condensazione quasi per gioco, poi hanno una brillante idea: recuperano le foto satellitari della zona e correlano le scie fotografate, con quelle del satellite. Ai dati ottenuti da questo confronti vengono aggiunti quelli provenienti dal LIDAR, il quale, grazie al suo fascio laser, è in grado di misurare quota, composizione, dimensione dei cristalli di ghiaccio, direzione del vento e persino le caratteristiche del ghiaccio in ricaduta verso il suolo. Lo scopo di tutto ciò? Correlare ogni scia a un preciso volo. Grazie ad un database sono riusciti a risalire al volo che ha generato le varie scie e a capire a che ora sono state rilasciate. Anche in questo caso si fa riferimento alla persistenza per diverse ore.

Bravi questi scienziati, ma fino ad ora nessuno è mai andato in quota a prelevare campioni, o forse si?
In effetti sono numerosi anche gli articoli che trattano di campionamenti in quota con particolari apparecchiature in grado non solo di misurare l'umidità all'interno di una scia di condensazione, ma persino di separare l'acqua (frazione volatile) dai componenti non volatili. In questo tipo di campionamenti se nella scia fossero stati presenti bario, alluminio o funghi come sostenuto da chi crede nelle scie chimiche le analisi li avrebbero rilevati. Questo non solo esclude che il carburante possa essere contaminato, ma persino che esistano dei serbatoi nascosti che mischiano misteriose sostanze alla scia di condensazione. [4][5][6][7]

Dopo aver letto tutto questo, mi sembrano insignificanti le analisi delle foglie di piante ornamentali o del terreno fatte dai sostenitori del complotto, eppure queste analisi sono pubblicate, sarebbe bastato chiedere a un meteorologo o approfondire personalmente per scoprire che qualcuno si era già posto il problema di esaminare il contenuto di quelle scie bianche. Ancora una volta appare chiaro come, se mai ci fosse un complotto, non sarebbero certo i "complottisti da blog" ad accorgersene. La vera spina nel fianco di ipotetici cospiratori sarebbero proprio quegli scienziati che tanto sono denigrati.

AGGIORNAMENTO 13/02/2010

Mi rendo conto di aver lasciato molti con la curiosità di ciò che è stato trovato nelle scie di condensazione. Era chiaro che non ci fossero le sostanze ipotizzate dai sostenitori del complotto, ma cosa c'è in una scia di condensazione oltre all'acqua? Prima di tutto è importante segnalare che le dimensioni del particolato analizzato arrivano fino a 0,1 micron (ovvero PM 0,1). Le sostanze non volatili possono essere classificate in carbone (che ne costituisce la maggior frazione) e metalli vari. Questi ultimi sono costituiti da Ferro, Cromo e Nichel nella percentuale tipica dell'acciaio inossidabile. In alcuni lavori sono stati ritrovati anche nitrati e acido solforico. Il riferimento [6] (se riuscite a leggerlo) è un buon riassunto di tutti gli altri riferimenti con dettagliata spiegazione del meccanismo di formazione delle varie specie chimiche a seguito della combustione. In ultimo viene esclusa la presenza di silicio all'interno delle contrails, cosa invece presente normalmente nei cirri, ovvero esattamente il contrario di ciò che hanno sempre sostenuto i complottisti.

Bibliografia :

[1] W.A. Hovis; Infrared Reflectance of High Altitude Clouds; Applied Optics; 1970

[2] T.F.Lee; Jet Contrail identification using the AVHRR Infrared Split Window; J. Appl. Meteor.; 1988

[3] D. Atlas; Contrails to Cirrus; J. Appl. Meteor.; 2004

[4] R. S. Gao; Measurements of relative humidity in a persistent contrail; Atmospheric Environment; 2006

[5] A. Petzold; Elemental composition and morphology of ice-crystal residual particles in cirrus clouds and contrails; Atmospheric Research; 1998

[6] B. Karcher; Aviation-Produced Aerosols and Contrails; Survey in Geophysics; 1999

[7] C. H. Twohy; Electron microscope analysis of residual particles from aircraft contrails; Geophysical Research Letters; 1998

Sincerely yours
Howling Mad

Chi è chi? di Tripponzio - aggiornato

giovedì 11 febbraio 2010

Dal blog di Tripponzio

Laserpe66 (già noto per il video nazista - n.d.r.) ci delizia con questa perla (immagine qua sotto dove un debunker con il volto coperto e pistola alla mano, intima il silenzio ad un complottista):


Ma....


chi ha fatto la lista di proscrizione?
chi ha telefonato ai datori di lavoro dei presunti debunker?
chi ha minacciato percosse e morte per chi lo contraddice?
chi ha sbattuto i nomi di presunti debunker in pasto a pericolosi pazzi sciroccati?
chi è quindi dietro la pistola?

Siete tu e i tuoi degni compari quello con il passamontagna.

Deficiente.


Mi associo al pensiero.
Sincerely yours
Howling Mad



Mi sorge un dubbio. Ma che questo post della biscia sia un modo per dare la colpa a qualcuno dell'uscita di scena del marinaretto???? Perchè sia chiaro che queste velate accuse possono essere smentite in pochi minuti. E se il pirata sta leggendo è meglio che richiami i cagnolini.

Sincerely yours
Howling Mad


Rorro e le finte scie (rubate?)

mercoledì 10 febbraio 2010

Cosa non si fa per un briciolo di notorietà... soprattutto, come fa a pensare di essere furbo.
Mr. Rorro, colui che cavalca i complotti (qualsiasi) pur di guadagnare un po' di palco, torna a toccare le scie chimiche. Lo abbiamo già visto qui, ma oggi fa una figura ancora più barbina.
Mette online "la prova delle scie chimiche tossiche" http://www.youtube.com/watch?v=eZGym96B3B0
Avrà pensato: "l'ho trovato per caso, lo scarico, lo metto a nome mio, non se ne accorgerà nessuno".
Eh sì, perchè quel video non è suo, ma di un'altra persona che risponde allo pseudonimo di Frankitubi che lo girò e lo postò sul suo canale http://www.youtube.com/watch?v=hecjdZcNjt0
Quello che Rorro non ha considerato è che non editando il filmato, YT lo riconosce e lo associa subito con quell'altro. Come si può vedere sulla pagina principale del suo canale.
Il video di Frankitubi era già stato "sbufalato" fornendo tutte le informazioni del caso: non sono scie chimiche ma le prove di persistenza per le scie fumose delle Frecce Tricolori. Il 2 giugno a Roma, come ogni anno, c'è la parata militare.
C'era anche la spiegazione sui commenti, che però sono stati cancellati (facevano perdere tutta la valenza del video).

Rorro sta cominciando ad insidiare il comitato per frequenza di figuracce: attenti fratelloni, a breve andrà David a fare le conferenze. Magari vi sostituisce già a Viterbo :-)

Sincerely yours
Howling Mad


Il nuovo alleato dei fuffari

Ci hanno sgamato i gatti.

Ci, ci, siamo blutti e cattivi.

Sincerely yours
Howling Mad

Va di moda il revival???

martedì 9 febbraio 2010

A quanto pare il revival è di moda.

E allora, revival anche io.

Sincerely yours
Howling Mad

Solitudine e malafede

domenica 7 febbraio 2010

Quando ci sono persone che non hanno nulla di bello nella vita (per lo più per loro apatia o proprio perchè non hanno le palle per viverla come persone normali) si riducono a episodi in cui si rendono grottescamente ridicoli.

Un paio di commenti e un video per spiegarvelo.

Il video linkato (in totale malafede) da Rosario Marcianò è questo.



Se il vicerè dei ciarlatani avesse una coscienza oltre ad una minima nozione aeronautica, si renderebbe conto di molte cose guardando questo video. Le persone normali si accorgono che il pilota sta riprendendo aerei che volano al suo stesso livello di volo (Flight Level) e che uno è anche più in alto di lui. Lui, come si nota benissimo sul video è a FL370 (37mila piedi).

11.277 metri

Questo significa che per le regolamentazioni aeronautiche gli altri sono a FL390 se non a FL410. Ora per dire che sono scie chimiche "tossiche" (come dice l'amichetto Rorro) dovrebbe portare delle analisi chimiche di quelle scie di condensa... ma come.. non esistono analisi??? E come mai???

Il bieco compiacimento è quello che prova lui a infestare il web di bugie e insulti a gente che lavora (cosa che a lui sta molto sulle palle) e che SENZA NESSUNA PROVA lui accusa di genocidio.
Ora però le sue "gatte" da pelare ce le ha. E un peso "elefentiaco" sullo stomaco, visto che la coscienza è in lavanderia. Ma povero, sarà che si sente solo.. ora...

Sincerely yours
Howling Mad


Lesson number one: english

sabato 6 febbraio 2010


Ha ragione, siamo destronzer...

Il termine debunker deriva dalla parola bunk (fandonia, sciocchezza, FUFFA). To debunk è il verbo all'infinito. Il debunker è quindi un defuffatore... toglie di mezzo la fuffa.

Siamo anche destronzer..

Grazie Deborah per aver riconosciuto la nostra valenza e la vostra natura.

Sincerely yours
Howling Mad


Operazione Popeye: tutta la verità

venerdì 5 febbraio 2010

Abbiamo scoperto tutto.


Sincerely yours
Howling Mad

Dopo Veritas, Rorro lo sciachimista spammone

martedì 2 febbraio 2010

Il procurato allarme (anche se il sig. Rorro lo chiama solo allarmismo), come si può ben leggere in testa a questo blog, è anche un reato. Prima ancora di questo, dovrebbe essere motivo di vergogna per chi si vanta di averlo perpetrato in oltre 600 persone in pochi giorni.
Le scie di condensa degli aerei sono una delle poche cose innocue che gli aerei producono. infatti sono formate solamente dal vapore acqueo che ghiaccia per le bassissime temperature. La combustione degli idrocarburi immette nell'aria molta CO2 e sicuramente gli aerei sono inquinanti ma molto meno del traffico cittadino di una città come Milano, soprattutto con vecchi motorini che bruciano anche olio.
Un'altra cosa davvero spregievole è far passare falsa notizia che siano gli aerei la causa delle PM10 nelle città, quando i capi del comitato sanremese l'hanno sempre escluso alludendo invece alla presenza di sostanze tossiche come i derivati di bario ed altre cose.
Questo significa che si usa un problema reale come l'inquinamento da traffico per il quale siamo tutti preoccupati, per diffondere la falsa notizia che le scie chimiche sono reali.
Ricordiamo che dal 1996, quando un esponente dell'estrema destra razzista americana creò questa bufala non è mai stata analizzata una sola scia campionata in cielo. Hanno scritto libri, raccolto soldi (fondi mai denunciati), fatto conferenze, aperto gruppi Facebook per cercare di portare delle povere persone credulone a pendere dalle loro labbra. Tutto questo accusando ingiustamente degli onesti lavoratori del comparto aeronautico. Centinaia di migliaia di lavoratori che pagano le tasse e che vengono additati come "colpevoli di genocidio" da persone che non hanno prove.
E il vero scopo del comitato sanremese è perseguitare le persone, soprattutto quelle che non c'entrano nulla. Visto che tante persone che chiedono le prove ricevono solo insulti e lettere di Rosario Marcianò ai datori di lavoro chiedendo che vengano licenziati.
Vergognati tu, Rorro, vergognati!!!!

Sincerely yours
Howling Mad


Si è verificato un errore nel gadget