Nico Murdock è un ESPERTO nelle bufale sulle scie chimiche, specialmente in quelle dei fratelli Marcianò che segue ormai dal 2005.

I presidiots e la sindrome di Quo

giovedì 19 febbraio 2015

Devo citare Claudio Bisio, e soprattutto Rocco Tanica come coautore, per spiegare come un gruppo di sciachimisti si senta un po' messo da parte, non contando di fatto nulla nello scenario sciacomico italiano.
La sindrome di Quo è perfetta, dato che si trovano in mezzo tra StrakerQui e LagnesQua, attualmente in antitesi mentre prima erano in combutta.


Ed è per questa sensazione di inferiorità che i presidiots sono dovuti ricorrere nel recente passato anche alla deturpazione e vandalismo di proprietà privata pur di assurgere ad un po' di notorietà.
Ora quindi minacciano noi portatori di verità dicendo che ci sbiancheranno addirittura ad uno dei processi di Straker... ma che c'entrano loro lì? Hanno imparato che per poter avere visibilità bisogna aggrapparsi a qualcuno di noto, come fece all'inizio il diversamente laureato sanremese sfruttando Paolo Attivissimo.

Una cosa è certa, girano soldini... perchè un viaggetto di un gruppo da Pordone a Imperia per le minimo 8 udienze che ci saranno quest'anno (due solo a marzo), significa un buon finanziamento. Ora, c'era chi parlava già anni fa che ci fossero dei finanziatori occulti per i gruppi di sciachimisti, i quali servirebbero a spostare l'attenzione dal reale problema ambientale delle discariche abusive verso una teoria mai provata come le scie chimiche.
Vuoi vedere che invece che Qui Quo Qua questi sono la Banda Bassotti?

Sincerely yours,
Howling Mad

Dog Wars? Book Wars!

venerdì 6 febbraio 2015

Il complottista ha bisogno di un nemico. Anzi, ha bisogno di più nemici. E i nemici sono i capri espiatori di tutte le loro frustrazioni. Una vita vuota, un matrimonio sbagliato, un lavoro insoddisfacente. Il problema è che non è mai colpa loro: il complottista che non ha studiato, che a scuola ha sempre tagliato le curve, e essere (o sentirsi) il figo, quello che non si è evoluto, si ritrova a un certo punto con un lavoro banale, senza sbocchi e ad invidiare altri che hanno lavorato più duramente. Quindi non è lui e la sua auto scarburata che usa anche per andare a comprare le sigarette a 100 metri da casa il problema del suo malessere e dei problemi di inquinamento... no, è il nuovo ordine mondiale. Un gruppo di persone che a quanto pare non respirano, visto che spruzzerebbero in aria veleni di ogni tipo (sul serio, a sentire le liste c'è davvero tutto, manca solo l'impepata di cozze al colera).
Tra questi individui che dovrebbero tornare a scuola invece che stare in internet, ogni tanto spuntano dei furbetti.
Prima si annusano, si piacciono, si leccano come dei cucciolotti pucciosi. Ma quando arrivano alla ciotola della pappa... eh, lì l'ingordigia prende il sopravvento. I complottisti sono generosi in click, condivisioni e commenti, ma non scuciono tanti soldi e quindi se ci sono poche crocchette meglio togliere di mezzo le altre voraci bocche.
Ed ecco che iniziano le guerre dei cagnolini...


Ma come? Non erano loro i grandi sopravvissuti, i salvatori del mondo, quelli che avevano il coraggio di denunciare, dal caldo della loro cameretta, le schifezze del mondo???? Ma non lo facevano per il bene dell'umanità???
NO!!!
E' tutta pubblicità... e i gonzi pagano.
Ma campionare una scia in quota non sarebbe meglio che scrivere libri per salvare il mondo?????

Sincerely yours
Howling Mad

Tanto torna...

martedì 27 gennaio 2015

E' di oggi un grande sclero del famigerato mister nò.. "Basta, lascio Facebook!!".

ERA ORA

visto soprattutto che, secondo sue affermazioni, non ci sarebbe mai entrato.

Ricordate?

Oggi, forse perchè da Fontanafredda non è arrivata la pioggia di donazioni che forse gli avevano promesso i presidiots, disattiva (non cancella, attenzione) il suo profilo. Se lo avete tra gli amici potete ancora vederlo in lista, quindi il profilo esiste ancora.
Scommettiamo che torna? Almeno per far riprendere il sorriso al sig. De Complottis... :P


Sincerely yours
Howling Mad

Si è verificato un errore nel gadget