Nico Murdock è un ESPERTO nelle bufale sulle scie chimiche, specialmente in quelle dei fratelli Marcianò che segue ormai dal 2005.

Scie chimiche invisibili? Sì, col manganese

venerdì 23 settembre 2011

Vorrei parlare con molta franchezza a quei credenti alla teoria delle scie chimiche per capire fino a che punto riescono a mandare giù cazzate pur di non rimanerci male di essere stati presi per il culo.
Mi passano questo screenshot che proviene da Facebook (l'ho modificato per togliere il nome della persona).
Capito? Basta un po' di manganese e rendi invisibili le scie...
Domanda: ma se questo fosse vero, come mai questi idioti del NWO non le hanno fatte SEMPRE così??? Perchè fare anche scie visibili??

Sul serio, cari credenti, capisco benissimo che ci sia in voi il sentimento giusto di sentirvi parte di qualcosa che possa cambiare il mondo. E' un sentimento nobile, umano, nel quale mi riconosco anche io. Ma perchè lasciare che venga sfruttato da persone che ne hanno fatto una professione (libri, dvd, conferenze, apparizioni in tv pagate)???
Mi tocca ridare la parola a Penn & Teller.


La traduzione.

E' giusto che la passione si sostituisca al buon senso?
E' comprensibile il desiderio di unirsi per qualcosa di importante.. salvere il mondo è "sexy", ma devi investire almeno un paio di minuti per scoprire se stai davvero salvando il mondo o sei solo portato in giro come una pecora da qualche stronzo con una motivazione politica, al quale non può fregar di meno dell'ambiente ma vede questa come una chance per raggranellare soldi con qualsiasi "idea" buona per loro.
Nessun fine giustifica il mezzo... DELLA MENZOGNA.

Nessuno ti ascolterà se dici che il mondo non sta per finire, ma se dici che il mondo STA per finire ti guadagni i titoli di giornale. E quindi il sensazionalismo, specialmente quando è combinato alla malainformazione, porta ad una situazione dove le persone inviano palate di soldi a questi gruppi per campagne che sono totalmente fuorviate.

Praticamente usano sensazionalismo, disinformazione e tattiche per impaurire.

Sono Patrick Moore, un ecologista e ambientalista da tutta la vita.

Il movimento ambientalista è stato letteralmente dirottato da attivisti politicizzati che sono arrivati ed hanno intelligentemente imparato come usare la retorica "verde" e il linguaggio "verde" per mascherare dei piani che in realtà hanno più a che fare con l'anti-corporativismo, l'anti-globalizzazione, la lotta alle imprese, e molto poco a che fare con scienza ed ecologia. Ed è allora che me ne sono andato.

E da cosa se ne è andato? La Greenpeace Organization.
Sì, Patrick Moore è uno dei fondatori ed ex presidente della "nonna" di tutte le organizzazioni ambientaliste.

Mi sono reso conto che il movimento che avevo creato è stato preso d'assalto da agenti politicizzati che la usavano solo per raccogliere fondi.

E mi fa incazzare anche di più quando li sento dire che sono contro la globalizzazione quando i loro mezzi principali di lotta sono i telefoni cellulari e internet. Non ha alcun senso essere contro scienza e tecnologia, e poi usarle, fosse un jet per andare ad un meeting internazionale o un cellulare o un computer portatile. Sei parte della globalizzazione: come fai a essere contro di essa?

Vorremmo sottolineare che se sei pro-socialismo, o anti-globalizzazione o anti-corporativista, sono tutte ottime idee su cui confrontarsi.
Ma camuffarle da ambientalismo è una cazzata! Parla apertamente. Non dire "le corporazioni sono cattive perchè oggi l'acqua è peggio di una volta" perchè l'acqua NON E' peggio di una volta. Non vogliamo dire che non ci siano buone scuse per il socialismo, ma l'ambiente non è una di queste.

La soluzione sarebbe di cercare di capire come migliorare le cose, non fare campagne contro tutto ma fare campagne per modificare il modo di fare le cose, in un nuovo modo che ci permetta di avere prodotti e servizi che ci servono ma che non abbia un alto impatto ambientale.

Certo che ci sono problemi con l'ambiente ed è una cosa naturale voler salvare il mondo, essere un eroe, spazzar via la corruzione, comandare la rivoluzione.. e le rivoluzioni sono essenziali, una rivoluzione ci ha dato la LIBERTA', una rivoluzione ci ha dato la SCIENZA, senza rivoluzioni moriremmo. Ma quando sentiamo quell'istinto sexy di salvare il mondo diventiamo molto vulnerabili. Se non ci fermiamo a capire davvero cosa succede potremmo sprecare anche i nostri più nobili istinti su delle CAZZATE! E' facile sentirsi un eroe... un po' più duro esserlo.

APRITE GLI OCCHI, DRIZZATE LE ORECCHIE, c'è sempre qualcuno pronto a lucrare su di voi.

Sincerely yours
Howling Mad

scie chimiche tanker enemy geoingegneria straker puppa

7 commenti

Orsovolante ha detto...

La logica non è di moda, men che mai tra i complottisti.
Anche io mi incazzo quando vedo confondere ecologismo e pseudo alternative New age, animalismo becero e protezione dell'ambiente e della dignità degli animali.

23 settembre 2011 18:46
Riccardo (D.O.C.) ha detto...

La mia massima è:
"L'ecologia è una cosa seria; gli ecologisti, molto spesso, no".

23 settembre 2011 19:14
(LeFou!) ha detto...

Veramente il manganese o è argenteo (classico colore metallico) oppure assume un colore rosa o rosso (viene usato per neutralizzare il verde dei vetri). Alcuni composti tendono al verde, ma manganese azzurro non l'ho mai sentito.
E poi, ammettendo un improbabile «effetto specchio», noi la scia la guardiamo dal basso, e quindi non rifletterebbe il cielo ma la terra (campagne, città...).
Mah. Mi pare un GDR.

24 settembre 2011 03:05
Orsovolante ha detto...

(LeFou!) ha detto...
Veramente il manganese o è argenteo (classico colore metallico) oppure assume un colore rosa o rosso ...

Infatti lo utilizziamo per rendere invisibili le scie serali ;-)

24 settembre 2011 12:51
Nico ha detto...

LeFou, il mio intento non è di controbattere la cazzata del manganese ma di far capire a certa gente che chi gli sta propinando questo terrorismo non si ferma di fronte a nulla.
Inventare la baggianata delle scie invisibili è l'apice di una piramide di falsità.
A prescindere da cosa eventualmente venisse usato, se le (inesistenti) scie chimiche potessero essere fatte invisibili (come viene riportato) che necessità ci sarebbe allora di farle visibili?

L'affermazione stessa fatta da "Stop alle scie chimiche" DISTRUGGE COMPLETAMENTE LA TEORIA.

Perchè questo NWO avrebbe fatto scie visibili fino adesso? Sono così bravi da mantenere milioni di persone omertose ma, toh, si dimenticano di fare sempre le scie invisibili.

24 settembre 2011 13:00
(LeFou!) ha detto...

@Nico Sì me ne rendo conto. Era solo una riflessione personale.
Ho contattato un mio amico che come lavoro fa il chimico e gli ho chiesto se quell'affermazione abbia un senso. La sua risposta è stata:
Sicuramente ci possono essere dei sali che assorbono la luce ad una lunghezza d'onda simile a quella del cielo ma non so se esiste un sale di manganese che abbia questa caratteristica.
Bisognerebbe conoscere bene quali sono le condizioni "ambientali" di queste scie per capire in che stato chimico si può eventualmente trovare un metallo o un suo sale: è fondamentale conoscere la temperatura, la pressione atmosferica, il contenuto di acqua, ecc. solo in questo modo si può ipotizzare l'esistenza di una specie metallica.
A occhio, comunque, mi sembra una str*****a. Il manganese forma, in genere, dei sali molto colorati!

Insomma: potrebbero scegliersi meglio le cazzate che dicono.

24 settembre 2011 15:02
genesis61 ha detto...

Quest'estate, visita alle grotte di Frasassi; la guida ci spiega subito che il colore delle concrezioni dipende dai minerali disciolti nell'acqua che gocciola. Il manganese è responsabile di quelle grigie ...

27 settembre 2011 10:32
Si è verificato un errore nel gadget